martedì 21 gennaio 2014

Arrivederci

Ve lo ricordate il suono della voce di Claudio Abbado? Neanche io.
Mi viene anche il dubbio che avesse una voce. Una voce diversa dalla musica che suonava, una voce diversa, da quella musica a cui era così legato da diventare tutt'uno.
Mi fa piacere leggere così tanti articoli su quest'uomo così piccolo e così grande, mi dà speranza, la speranza che se riesci a fare qualcosa che davvero ha valore, il mondo se ne accorgerà prima o poi.

"Piccolo, fragile, delicato. Appena salito sul podio, al primo movimento della bacchetta nell’aria accadeva il miracolo: tutto diventava immenso, incorruttibile, immortale”

Se come me avete avuto la fortuna di vederlo dirigere dal vivo, queste parole di Benigni, hanno un senso. Quella sera sul palco vidi un direttore d'orchestra diverso da tutti, un uomo che accennava appena dei gesti, eppure aveva sulla punta della bacchetta un'intera orchestra. Saliva sul palco come si entra in ufficio la mattina, con la semplicità di chi deve svolgere un lavoro, ma con in più il sorriso sulle labbra. Il saluto sempre prima agli orchestrali, e poi al pubblico.





Il maestro Abbado. Non resisto a questo sentimento di tristezza nel pensare alla sua morte, non perchè fossi una fan o avessi visto tutti i suoi concerti, ma per la consapevolezza che abbiamo perso qualcosa. Le persone come il maestro Abbado non si fanno molto notare in vita, ma nel momento in cui ci lasciano, si matura la consapevolezza che portavano sulle spalle un peso grandissimo, che ora ci dobbiamo dividere noi, e il mondo improvvisamente diventa meno leggero.
Confesso che mi scende una lacrima sincera al pensiero della sua morte, di quelle che cadono inavvertitamente, senza scomporre il volto, di quelle che lasciano il sorriso. Credo si chiami commozione.
Arrivederci Maestro.
Grazie

2 commenti:

Mirtillo E Lampone ha detto...

Il tuo post mi lascia proprio quel senso di incompiutezza di cui parli...in una vita in cui ci accorgiamo di tutto e non ci curiamo di niente dovremmo fare più tesoro di ciò che abbiamo di così prezioso.
Sarà una mancanza importante.
Un abbraccio Clode!

Clode ha detto...

Per il mondo della musica e non solo... grazie di essere passata!