martedì 14 maggio 2013

How to: #1 Google Translate

Ormai ho deciso. La smetto. La smetto di vietare e demonizzare il traduttore di google, perché non serve a niente. L'umanità non ce la può fare a stare senza, e soprattutto non sa capire perché non funziona.
Allora, siccome "se non puoi combatterli, puoi solo unirti a loro", vi spiego come usarlo.

1. Su google translate traducete le parole, non le frasi.
Sì, le parole singole. Perché beccare il significato di una parola è molto più semplice che farlo con un'intera frase. E se una volta vi può scappare di tradurci una frase minima (Io mangio la mela. soggetto, verbo, complemento. Stop.). Mai e poi mai ci potrete piazzare un paragrafo a caso di un libro/articolo/lettera/quellochestateleggendo. Mai.

2. Non vi leggete solo il primo risultato, andate a spulciarli tutti
Con calma e perizia leggete le parole che vi propone e i sinonimi, attivate il cervello, e pensate quale di quelle parole funziona meglio nella frase che state leggendo.
Sì, le dovete leggere tutte, soprattutto perché in inglese la stessa parola può essere sostantivo, verbo e aggettivo. E dovete capire quale serve a voi, Google translate non ha un cervello!



3. Google translate serve a voi,e basta.
Vi può essere utile per capire un testo in inglese (o altra lingua) o vi può servire per quella parola, che "la so, ma adesso non mi viene in mente come si dice". Non pubblicate/usate in pubblico le traduzioni che escono da lì! Non sognatevi di usarlo per traduzioni dalla vostra lingua madre ad altra lingua. (traduzioni di testi veri e propri). Se lo usate per tradurre nella vostra madrelingua, leggete accuratamente quello che vien fuori e correggetelo confrontandolo continuamente con l'originale.
So cosa state pensando: "facevo prima a tradurre con il vocabolario allora!" 
Se siete arrivati a questa constatazione da soli, il mio compito è assolto!

E adesso, per chiudere, e per la mia personalissima gioia, un gioco facile che potete fare a casa anche voi!
Prendete un testo in Italiano:
Ho preso un paragrafo da qui: http://www.corriere.it/editoriali/13_maggio_14/secessione-inglesi-ue_b695da0c-bc4f-11e2-996b-28ba8ed4f514.shtml

L'ho tradotto in inglese e poi ri-tradotto in Italiano:
"C'è ancora un sacco di foschia sopra il canale della Manica. Questa volta, però, può essere vero che l'isolato è un po 'sul continente africano, non solo in Gran Bretagna. La possibilità che Londra abbandonare l'Unione europea è diventata reale: naturalmente, è soprattutto un problema nel Regno Unito, dopo che il primo ministro David Cameron ha promesso per il 2015 un referendum sulla questione, il partito 'indipendenza' ha ottenuto una vittoria nel recente elezioni locali e un certo numero di ministri e parlamentari conservatori hanno parlato di un frettolosamente abbandonata. Nella misura in cui il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha definito Cameron ieri per ricucire i rapporti con Bruxelles. Esso presenta anche un problema per l'Europa, non sarebbe Londra senza necessariamente migliore. Alzare le spalle di fronte a una situazione del genere non è una buona idea.
A Brexit - è definito come l'uscita dalla UE britannico - avrebbe conseguenze importanti."

Siete sicuri che sia scritto in Italiano?!

2 commenti:

Stefania Quarta ha detto...

proprio l'altro giorno stavo parlando di questa cosa! Ottima recensione ;) Mi piace il tuo sito, sono arrivata qui per caso ed ho deciso di seguirti! Ti aspetto da me.

Clode ha detto...

Ciao Stefania, grazie epr il commento e per esserti fermata su questi lidi!!

E' una battaglia che combatto da sempre quella con i traduttori automatici, deformazione professionale!

;)