martedì 28 maggio 2013

How to: #2 la sistemazione dei tavoli a un matrimonio

Iniziamo subito, sfatando un luogo comune: non è vero che ai matrimoni è alta la probabilità di incontrare altri single interessanti. Questa è una stupidaggine che ti raccontano le tue amiche che si sposano, per farti venire al matrimonio e per farti mettere in tiro.

Non che non ci si debba andare ai matrimoni. Ma ci si va per affetto nei confronti degli sposi, e non per conoscere qualcuno.

In ogni caso però, qualunque sia la motivazione che vi spinge a partecipare, si spera che gli sposi abbiano saputo fare degli abbinamenti di tavolo decenti.

1. Non si mettono gli amici single nel tavolo con tutte persone che non conoscono. A meno che i vostri amici non siano le persone più spigliate di questa terra, si troveranno in difficoltà se non almeno in imbarazzo!

2. Non si mettono gli amici single al tavolo con tutte coppie. No no no e ancora no! Sappiamo che state festeggiando l'amore eterno e infinitamente duraturo tra di voi, ma non è un buon motivo per far deprimere tutti gli altri! Oltre al fatto che se c'è qualche coppia in crisi creerete enormi guai.

3. I legami di parentela non sono indissolubili, se il/la vostro/a amico/a viene con il/la fratello/sorella non è detto che li dobbiate mettere allo stesso tavolo. Soprattutto se hanno amicizie diverse tra gli amici dello sposo e della sposa.

4. Si sa che i tavoli delle feste di matrimonio hanno un numero prefissato di posti che non si possono né aumentare né diminuire, ed è facile comprendere che gli amici "della compagnia delle medie" che sono 23 non potranno stare tutti allo stesso tavolo! Ma abbiate almeno l'accortezza di metterli a tavoli vicini!
In questo modo nei momenti buchi tra una portata e l'altra potranno comunque vedere qualche facci amica.

Foto from etsy

5. Se ancora, siete imbrigliati e avete proprio dovuto mettere tavoli distanti, almeno controllate l'età media. che mettere gente di 25/30 con altri che si aggirano sulla 60ina, può diventare anche più che imbarazzante!!

P.S.
tutte le casistiche sopra elencate sono il risultato dell'esperienza diretta di chi scrive negli ultimi 2-3 anni di inviti a matrimoni vari.

4 commenti:

Berry ha detto...

Questi si che sono i vantaggi di avere tutte amiche squattrinate che non si sposano :)

Clode ha detto...

non sai quanto sei fortunata! :)

valigiesogni ha detto...

Post notevole che va segnalato!
Tu non puoi immaginare quante discussioni prematrimoniali e relativo rischio rottura generi la composizione dei tavoli! Nel mio caso, abbiamo invitato pochissime persone e, in teoria, non ci sarebbero dovuti esser problemi. Non ce ne sono, infatti, in assenza di annose faide familiari. Ma questo non era il nostro caso. Tra l’altro, avendo invitato poche persone non potevamo contare neppure sull’effetto dispersione che matrimoni con 300 invitati comportano. I colleghi? Sì, puoi metterli tutti insieme a patto che si eliminino coltelli e posate che possano istigare allo sgozzamento tra il primo e il secondo.
Ad aprile siamo stati inviati al matrimonio di un carissimo amico del signor valigiesogni (abitavano insieme ai tempi dell’università). La Lei della coppia, ragazza gioiosa ed accomodante, s’è fatta prendere da una crisi isterica bella e buona alla vigilia del matrimonio quando qualcuno le ha scombinato la pianificazione della sala. “Noo! Ed ora che la famiglia Sòla non viene più, a chi possiamo appioppare la coppia Rompiscatole? Quelli lì non li sopporta nessuno!!! Ma non possiamo mica lasciarli da soli?”.
Sembra una cavolata ma, giuro, non è per niente facile!

Clode ha detto...

E' proprio perchè mi rendo conto che non è facile che ho scritto il post! ;)
Scherzi a parte, posso pure capire che non sia semplice, ma ti assicuro che certe volte neanche stare seduti al proprio posto con davanti le persone meno indicate del mondo è proprio semplice!!
:)